Aeroportodifrosinone

A Frosinone il nuovo aeroporto del Lazio: prosegue l’iniziativa dell’APARF

Prosegue con incontri istituzionali e con i rappresentanti del settore del trasporto aereo, l’impegno dell’associazione APARF nata con lo scopo di promuovere lo sviluppo dell’Aeroporto di Roma-Frosinone quale terzo scalo commerciale del Lazio. Dopo aver registrato un interesse crescente da parte delle autorità locali in merito alla realizzazione di un nuovo scalo aereo sull’attuale sedime dell’Aeroporto di Frosinone, l’associazione si è confrontata con l’AICALF, l’associazione che riunisce i vettori low fare attivi nel nostro paese incassando un importante endorsement.

“L’associazione APARF, dopo importanti contatti aperti con le principali compagnie aeree low cost, tramite l’associazione AICALF, dopo vari feedback positivi ricevuti dalle principali aziende di logistica italiana e vari gruppi industriali della zona, tutti all’unisono esprimono a gran voce l’interesse nel vedere realizzato un aeroporto a Frosinone a servizio del territorio, della capitale e delle altre sei province limitrofe”. Queste le parole di Tiziano Schiappa, Presidente di APARF. “Aeroporto strategico per le importanti infrastrutture di collegamento già presenti e per le future strutture in creazione, con la creazione della variante ASI Morolense e della futura stazione TAV alta velocità di Ferentino.”

L’associazione sottolinea come lo sviluppo della nuova infrastruttura avverrebbe utilizzando procedure e tecnologie sostenibili anche in fase di realizzazione e di integrazione dell’aeroporto nel territorio, nel pieno rispetto di quelli che sono gli obiettivi delineati nel PNRR (il cosiddetto Recovery Plan) e negli stessi obiettivi delineati dalle politiche di sviluppo infrastrutture e trasporti della UE.

“L’APARF chiede a gran voce a Provincia, Regione, Asi e Comuni di Ferentino e Frosinone, una maggiore unione affinché si avvalori il lavoro fatto a livello commerciale dalla nostra associazione, per non perdere la reale e concreta possibilità di poter vedere realizzato uno scalo nella Ciociaria. Ora più che mai senza inutili colori politici.” Sottolinea Schiappa. “Ad oggi lo scalo di Frosinone rappresenta l’unica possibilità infrastrutturale realizzabile nella nostra regione. L’infrastruttura si unisce in modo armonico a quelle che sono le attuali esigenze della Regione Lazio, l’accentramento delle unità militari a Viterbo l’importante scuola volo dell’aeroporto di Latina, centri di prestigio che non possono essere disorientati e sbilanciati da eventuali scali civili, che andrebbero ad intralciare le regolari attività di questi due importanti scali tecnici. Chiediamo a gran voce all’assessore regionale Alessandri di dar fede a quanto comunicatoci durante il nostro incontro dello scorso 2020 dove si evidenziava Frosinone come unico progetto valido sul tavolo della Regione Lazio.”

L’APARF chiede che venga aggiornata la delibera 234/2009 individuava Frosinone come unico terzo scalo potenziale regionale.

“È inutile puntare su progetti troppo costosi a livello infrastrutturale come Latina e Viterbo,” sottolinea il comunicato dell’APARF.

Alla luce del previsto ridimensionamento di Roma Ciampino e dell’impossibilità di sviluppare una quarta pista a Fiumicino, l’associazione promotrice per lo sviluppo dell’Aeroporto di Roma Frosinone rilancia il ruolo dello calo ciociaro quale sostituto ideale di Ciampino, sempre sotto la gestione di Aeroporti di Roma.

“Frosinone è Roma sia per distanza territoriale sia per facilità di collegamento alla capitale.” Sottolinea il presidente Schiappa. “Ora è il momento di lavorare e mettere nero su bianco tutto quello che di buono l’Associazione Progetto Aeroporto di Roma Frosinone ha fatto in tutto questo tempo”.

Promuoviamo e creiamo opportunità per il territorio che portino in concreto, allo sviluppo del Progetto Aeroporto di Roma Frosinone, unendo e mettendo in sinergia, stakeholder primari, secondari e strategici.